18
shares
Fb
TW
P
G+
Pin to Pinterest
+
Cos'è?

Mi è capitato di leggere questo articolo del Corriere su Facebook: parla di una campagna di sensiblizzazione dell’alcol veramente singolare.

Addict’ Aide è un’associazione francese che si occupa del contrasto delle dipendenze (alcol, tabacco, farmaci, gioco d’azzardo, canapa). Hanno creato un profilo su Instagram di Louise Delage e, dal primo agosto ad oggi, hanno caricato immagini e video come tutti gli utenti che utilizzano il social network fanno.

Troviamo foto di aperitivi, feste, weekend fuori casa, gite in barca e via dicendo. Ad un primo impatto sembrerebbe un profilo normale, ma una settimana fa è stato caricato questo video:

Like my addiction

Un video pubblicato da Louise Delage (@louise.delage) in data:

Il fil rouge che collega tutte le foto di Louise è il bicchiere di vino/birra/alcolici vari. Una campagna contro l’abuso d’alcol portata avanti creando un profilo finto. Louise, in realtà, non esiste.

Un altro esempio di come si possa fare una campagna di sensiblizzazione senza dover commuovere l’audience interessata. Un altro esempio di questi ultimi giorni è la pubblicità per sostenere la ricerca della SMA con Checco Zalone:

 

Fonte immagine: Depositphotos

Ottieni contenuti spettacolari sulla tua email!

Ricevi contenuti utili per la tua attività direttamente sulla tua email!
Nome
Email

Lascia un tuo parere!

Ottieni Contenuti Extra!

Ricevi consigli, contenuti e strumenti che ti possono tornare utili per la tua attività!
Nome
Email
Anche io odio lo SPAM! ;-)
Leggi articolo precedente:
Touch Point: la rivoluzione del rapporto consumatore – brand

La corsa a Snapchat: serve, non serve?

Chiudi