Inserire link nei post non è reato!
18
shares
Fb
TW
P
G+
Pin to Pinterest
+
Cos'è?

L’idea per questo post mi è venuta da una conversazione avuta con Mirko D’Isidoro. Si è proposto per collaborare con 4Writing e mi ha posto la seguente domanda:

Ma in un articolo che scrivo per 4Writing posso inserire il link ai miei articoli?

La domanda è lecita: stai entrando in un nuovo progetto e vuoi sapere quanto puoi spingere i tuoi progetti. La mia risposta è stata che se il tuo contenuto si lega con il post che stai scrivendo e offre valore aggiunto al lettore, non solo puoi ma anzi devi inserire il link. Se invece vuoi solo inserire link al tuo sito senza alcun senso (sia chiaro, non è il caso di Mirko), no non puoi farlo.

Sembra che da parte di tutti ci sia una paura nel linkare fonti esterne, come se si stesse ammazzando qualcuno. Non parliamo se poi chiedi di inserire un rel=”follow” al link esterno: non sia mai, Google mi penalizza (pensano). Ma non è affatto così! Ce la meniamo tanto fra di noi (blogger) parlando dell’importanza dei backlinks, parlando dell’importanza dei contenuti di qualità e poi ci chiudiamo nel nostro blog senza aprirci al mondo.

Inserire un link non è reato e ti do, invece, delle buone motivazioni per farlo!

Inserire link nei post non è reato!

Offri valore aggiunto all’utente

Se tu dai modo al tuo lettore di approfondire un determinato aspetto di un argomento che stai trattando offri sicuramente valore aggiunto. Che è alla base di tutto. Gli utenti cercano risposte e su Internet ne trovano tante: devi fornire una risposta che sia più completa e più esaustiva possibile.

Per fornire una risposta completa devi ampliare il tuo contenuto, fornendo nuovi spunti, nuove riflessioni, mostrando punti di vista diversi dal tuo.

Nuove collaborazioni

Da un semplice link possono nascere delle interessanti collaborazioni. Potrai allargare il tuo network di conoscenze. Il blogger che hai linkato, se riterrà i tuoi contenuti interessanti, potrà iniziare a linkare i tuoi.

Sul web si deve dare, più dai e più ottieni. Non puoi pretendere di ottenere link a raffica se prima non ti fai conoscere. Internet non è altro che la declinazione digitale della nostra società: uno sconosciuto ti ha mai offerto qualcosa senza che tu chiedessi o dessi nulla? Immagino di no. Sul web è uguale.

Google mi penalizza?

Parlando con altri blogger qualcuno se n’è uscito con questa frase:

Sì ma se metto un link con rel follow Google mi penalizza

Non è assolutamente vero! O almeno non del tutto. Google ti penalizza in determinati casi, come per esempio:

  • – il link inserito non ha nulla a che vedere con l’argomento della tua pagina. Per esempio hai scritto un articolo dedicato al calcio e inserisci un link verso un sito di cucina;
  • – hai inserito il link con una parola chiave come anchor text: potrebbe essere inteso come post a pagamento. Quando inserisci link a risorse esterne non puntare su parole chiavi ma inserisci il titolo del post.
  • – hai inserito troppi link: se in una sola pagina inserisci 7-8 link verso risorse esterne puoi incorrere in una penalizzazione.

E come fare per non essere penalizzati? Semplice: lavora per l’utente. Se inserisci un link verso la risorsa X e l’utente ne trae vantaggio allora inseriscilo. Ricordati sempre di scrivere per l’utente finale e non per i motori di ricerca.

In conclusione.

Linkare non fa male (se fatto con logica e criterio), non è reato e il tuo Blogger/Social Media Coso/Web Marketing Coso te lo può consigliare.

Non rimanere chiuso nei tuoi 4 pixel, apriti ai pixel degli altri blog.

Aspetto, come sempre, un tuo parere!

Ottieni contenuti spettacolari sulla tua email!

Ricevi contenuti utili per la tua attività direttamente sulla tua email!
Nome
Email

    7 Comments

  1. Martina

    Considerando il fatto che molto spesso le idee per un nuovo articolo arrivano leggendo post di altri blogger direi che si, è importante non aver paura di inserire link esterni.
    Il discorso delle nuove collaborazioni è assolutamente vero: le conseguenze sono la possibilità di allargare la cerchia di persone conosciute e avere un maggior numero di condivisioni, quindi più traffico di qualità verso il proprio sito.

    Ottimo post Michele! :)

    • Michele Papaleo

      Ciao Martina,
      grazie mille per il tuo commento. Purtroppo molte volte mi è capitato di trovare post ispirati da altri blog senza un minimo di link.

      Va bene non promuover i propri competitor, ma nemmeno fare il menefreghista :)

      Michele

  2. Francesco Di Piazza

    Ciao Michele, ottime precisazioni su un argomento che per molti non è affatto chiaro.

    Come disse Giorgio Taverniti in una delle prime puntate di FastForward, Google con questi continui annunci fatti dai vari dipendenti che sembrano giocare a chi la spara più grossa, sta letteralmente uccidendo il web.

    La rete, lo dice anche il nome, è fatta di connessioni, di link, che devono essere il più possibile naturali, ma ci devono essere!

    Molti blogger e pseudo-SEO fraintendendo queste dichiarazioni si sono convinti che mettere un link dofollow sia un peccato mortale, addirittura è stato creato il plugin ”I don’t endorse Google” che rende nofollow tutti i link esterni di un sito indistintamente.

    Boh, dove arriveremo?
    Saluti, Francesco.

    P.S. Buona fortuna per la tua nuova avventura a Milano.
    Anche io sto per trasferirmi a Palermo, sempre causa università.
    Come dici tu siamo due studenti fuori sede 2.0 :)
    Peccato che gli eventi riguardanti il ”nostro settore” siano sicuramente molti di più a Milano che a Palermo ma mi arrangerò :)

  3. Luca Spinelli

    Non scherzare Michele, inserire link (no-follow dico, dei do-follow non parliamone neanche) è reato, eccome se è reato. Anche e specialmente se in tema con l’argomento ed il link aggiunge qualità alla discussione.

    Mah, valle a capire queste politiche. Per i do-follow ancora ancora ci potrebbero stare ma per i no-follow non ha proprio alcun senso.

    Un saluto,
    Luca.

    • Michele Papaleo

      Ciao Luca,
      grazie mille per il tuo commento.

      Io nemmeno per i do-follow li capisco: il rel follow e nofollow è stato inserito per bloccare i link acquistati. Ora se tu scrivi un post marketta e non vuoi trasmettere rank al link, uso il nofollow. Ma non devi usarlo in ogni link che hai nelle tue pagine!

Lascia un tuo parere!

Ottieni Contenuti Extra!

Ricevi consigli, contenuti e strumenti che ti possono tornare utili per la tua attività!
Nome
Email
Anche io odio lo SPAM! ;-)
Leggi articolo precedente:
WordPress: un plugin per il tuo calendario editoriale

Non c’è Reach qui: Facebook penalizza il Click Baiting

Chiudi