51
shares
Fb
TW
P
G+
Pin to Pinterest
+
Cos'è?

Google Analytics è un ottimo strumento ma… hai mai pensato che puoi ottenere molte più informazioni rispetto a quelle che già ti fornisce di base? Infatti questo fantastico tool ti permette di creare dei segmenti, report e dashboard personalizzati in cui puoi mettere in rilievo delle informazioni importanti per il tuo sito web o il tuo business 2.0.

Vediamo come fare.

Google Analytics

Segmenti personalizzati

Qui di seguito trovi la schermata che ti appare quando apri Google Analytics:

Segmenti personalizzati su Google Analytics

Segmenti personalizzati su Google Analytics: ecco come crearli

Una volta cliccato sul pulsante Aggiungi segmento ti apparirà un nuovo pulsante per la creazione:

Troverai un form come il seguente nel quale potrai impostare:

  • Dati Demografici: età, sesso, lingua, segmento in-market;
  • Tecnologia: sistema operativo, browser, versione browser, risoluzione schermo, dispositivo mobile;
  • Comportamento: sessioni, durata sessioni, giorno ultima sessione;
  • Data della prima sessione;
  • Sorgenti di traffico: campagna, mezzo, sorgente, parola chiave.

Segmenti personalizzati

Facciamo una breve prova: vogliamo un semplice segmento che ci dice quante visite di utenti italiani riceviamo tramite Facebook.
Impostiamo in dati demografici la voce Posizione Paese contiene Italy. Dopodiché andiamo su Sorgenti traffico e alla voce Mezzo inseriamo Referal e alla voce Sorgente facebook.com.

In questo modo avremo il grafico delle visite che riusciamo a ricevere da Facebook.

Puoi fare lo stesso procedimento con Twitter e Google Plus e puoi impostare tu quante variabili inserire in modo da avere uno o più segmenti specifici su particolari dati.

Personalmente ho generato un segmento personalizzato per ogni social che gestisco sui miei progetti: così posso rapidamente vedere se vi sono particolari variazioni in modo da intervenire rapidamente sul Piano Editoriale dei Social.

Un consiglio che ti posso dare è quello di impostare sempre il luogo e la lingua della visita: se hai un sito italiano non ti interessa sapere che 15 persone leggono il tuo sito in lingua straniera perché ai tuoi obiettivi servono poco e niente.

Report personalizzati

Per generare un Report personalizzato devi usare il menù verticale di navigazione.

Come generare un Report personalizzato

Come generare un Report personalizzato

Una volta che avrai creato il tuo Report personalizzato, inserendo le variabili e le informazioni che vorrai ottenere, potrai esportarlo come se fosse un report normale, generando il PDF e inviarlo direttamente tramite email.

Le dashboard

Dopo aver creato i tuoi segmenti personalizzati inseriscili in una Dashboard ad hoc per evitare di confonderli con quelli standard e per non creare troppa confusione.

Creare una dashboard su Google Analytics è abbastanza semplice: nel menù a sinistra, sotto la voce Dashboard trovi la voce Nuova Dashboard.

Creare una Dashboard

Creare una Dashboard

Puoi decidere di creare una Dashboard vuota, che dovrai andare a riempire con i vari Widget di Analytics oppure puoi scegliere di impostare una dashboard standard da modificare ed editare secondo le tue necessità.

Il potere di Google Analytics

Google Analytics ci mette a disposizione una mole di dati talmente vasta che possiamo addirittura capire se l’utente mentre visita la nostra pagina stia mangiando una panino o bevendo una Coca Cola. Bisogna porsi le domande (giuste) per ottenere le risposte (esatte).

Google ci da i dati, noi dobbiamo interpretarli e capire se tutto stia andando nel modo migliore possibile o ci siano margini di miglioramento.

La possibilità di personalizzare e mettere in rilievo determinati dati ti permette di avere un quadro completo su aspetti specifici dei dati che hai a disposizione.

Aspetto un tuo parere!

Articolo liberamente tradotto e adattato da Social Media Examiner

Ottieni contenuti spettacolari sulla tua email!

Ricevi contenuti utili per la tua attività direttamente sulla tua email!
Nome
Email

    2 Comments

  1. Fabio

    Ciao Michele, innanzitutto ti faccio i complimenti per il post. Sintetico ma chiaro e utile.
    Volevo solo chiederti una conferma: per aggiungere i segmenti per twitter e g+ alla voce “mezzo” hai inserito sempre referral o social? che differenza c’è fra queste due voci?
    Grazie in anticipo per la tua disponibilità.

    • Michele Papaleo

      Ciao Fabio,
      grazie per il tuo commento. Ho fatto una piccola prova e sono arrivato alla seguente. In poche parole se utilizzi il valore social ti usa tutti i link connessi al social. Per esempio se inserisci in Social Facebook ti considera le visite da fb.com m.facebook.com facebook.com e così via.

      Referal, invece, solo del dominio scelto.

      Fammi sapere!

Lascia un tuo parere!

Ottieni Contenuti Extra!

Ricevi consigli, contenuti e strumenti che ti possono tornare utili per la tua attività!
Nome
Email
Anche io odio lo SPAM! ;-)
Leggi articolo precedente:
Come (e perché) usare Facebook Ads per promuovere i contenuti del tuo blog

Come e perché riproporre i tuoi contenuti [+ INFOGRAFICA]

Chiudi