4
shares
Fb
TW
P
G+
Pin to Pinterest
+
Cos'è?

Ogni giorno sono sempre di più i nuovi blog creati. Le tematiche sono diverse e varie ma solo una piccola percentuale di questi blog riesce ad emergere: la maggior parte di loro chiude dopo 3 mesi perché non riesce a ”trovare posto” nella SERP dei motori di ricerca. Qui vediamo quali sono i 5 maggiori errori che si commettono quando si cerca di ottimizzare un blog per facilitarne l’indicizzazione.

Creare contenuti per i motori di ricerca

L’errore che molti blogger fanno è quello di scrivere post e articoli ad hoc per i motori di ricerca. Il risultato sono paragrafi e frasi senza senso, prive di significato! Non bisogna creare contenuti per fare un piacere a Google. Quando si scrive un post bisogna immedesimarsi nel lettore, rileggere l’articolo e porsi delle domande del tipo:

  1. Ha risolto il mio problema? Mi ha chiarito i miei dubbi?
  2. Il problema è stato trattato nei minimi particolari?
  3. Ha senso quello che ho scritto? Ha un senso compiuto in italiano?
Dopodiché si può procedere alla pubblicazione!

 

Indicizzare tutte le pagine

Certi blogger hanno la mania di indicizzare tutte le pagine dei loro blog: categorie, archivi, post, pagine di tag, pagine allegati etc… Assolutamente sbagliato! Indicizzando tutte le pagine si può correre il rischio di indicizzare delle pagine duplicate, non ben viste agli occhi di Google!

Indicizziamo solo lo stresso indispensabile per evitare una penalizzazione. Plug-in come WordPress SEO by Yoast facilitano questo lavoro, negando all’accesso agli spider alle pagine che non vogliamo.

Troppi link in uscita

Inserire troppi link in uscita verso altri siti web può farvi ottenere risultati negativi. Una pagina web con molti link in uscita può spingere, con una maggiore frequenza, i vostri lettori a lasciare il blog facendo aumentare così la frequenza di rimbalzo. Inoltre, quando gli spider dei motori di ricerca visitano un sito con molti link in uscita potrebbero catalogarlo come un sito spam, eliminandolo dalla propria SERP.

Cercate, dunque, di avere una bassa percentuale di link in uscita nelle vostre pagine!

Troppe distrazioni per il vostro lettore

Non distraete il vostro lettore dal suo obiettivo principale: leggere l’articolo. Evitate immagini fuori luogo, pop up, video, link e qualsiasi tipo di distrazione. Ricordate che quando un utente passa più tempo sul vostro blog i guadagni aumentano! Per approfondire meglio leggete anche il prossimo errore e capirete perché è importante limitare le distrazioni.

Blog poco navigabile

Molti blog sono pieni di banner, pubblicità e immagini che rendono difficile la navigazione. Un blog in cui è difficile trovare il contenuto è un blog destinato ad avere poco visite. Facilitate la navigazione all’interno del vostro blog inserendo dei menù intuitivi e delle pagine facili da sfogliare. Date al vostro contenuto un posto in ”prima fila” nel blog: in questo modo il vostro lettore si sentirà veramente a suo agio e gli sarà più facile trovare ciò che cerca!

E voi cosa ne pensate? Avete qualche altro errore da ”proporre”? Lasciate pure un commento :)

Ottieni contenuti spettacolari sulla tua email!

Ricevi contenuti utili per la tua attività direttamente sulla tua email!
Nome
Email

    3 Comments

  1. Alessio

    L’errore che molti blogger fanno è quello di scrivere post e articoli
    ad hoc per i motori di ricerca. Il risultato sono paragrafi e frasi senza senso,
    prive di significato! Non bisogna creare contenuti per fare un piacere a
    Google. Quando si scrive un post bisogna immedesimarsi nel lettore,
    rileggere l’articolo e porsi delle domande del tipo:

    Ha risolto il mio problema? Mi ha chiarito i miei dubbi?Il problema è stato trattato nei minimi particolari?Ha senso quello che ho scritto? Ha un senso compiuto in italiano?

    Dopodiché si può procedere alla pubblicazione!————————————————————————Secondo me questo è l’errore più grande che un blogger può commettere, ok va bene voler indicizzare il proprio blog, ma che cosa ce ne facciamo di un blog con milioni di visite se poi quello che c’è scritto non interessa a nessuno?Adesso si sta addirittura iniziando a parlare di morte del SEO, non so se questo accadrà e quando, ma sicuramente l’indicizzazzione dipenderà sempre di più dall’esperienza dell’utente, quindi la cosa migliore è senza dubbio puntare sulla gioia del visitatore fin da subito.

    • Michele Papaleo

      Le ricerche diventeranno sempre più orientate verso gli utenti. Mi spiego meglio: non troveremo più in prima pagina i risultati migliorati tramite il SEO, ma i risultati che hanno risposto bene alle ricerche degli utenti!

      Mike

Lascia un tuo parere!

Ottieni Contenuti Extra!

Ricevi consigli, contenuti e strumenti che ti possono tornare utili per la tua attività!
Nome
Email
Anche io odio lo SPAM! ;-)
Leggi articolo precedente:
8 consigli per ottimizzare il title tag per la SEO (parte 1)

I Social Networks, nuovo luogo privilegiato per le offerte di lavoro

Chiudi