7
shares
Fb
TW
P
G+
Pin to Pinterest
+
Cos'è?

Nell’ambito del blogging e del web si sente spesso parlare di call-to-action. Letteralmente, call-to-action significa chiamata all’azione, è un modo per sollecitare il vostro lettore/visitatore a compiere una determinata azione (mettere mi piace, commentare, condividere, iscriversi alla newsletter etc…). In questo articolo vedremo come si può creare una call-to-action di successo per un blog con 4 semplici suggerimenti.

Il posizionamento della call-to-action

Posizionare la call-to-action all’inizio articolo non è la stessa cosa che posizionarla a fine articolo. Se decidete di inserirla appena aperto l’articolo, rischiate che il vostro lettore si scordi la domanda o la richiesta che gli avete proposto! Inserite sempre la vostra chiamata all’azione a fine articolo, magari aiutandovi con un testo in grassetto o in corsivo (o anche con una immagine non troppo invadente!).

Frasi brevi, veloci e di facile comprensione

Non utilizzate delle call-to-action lunghissime con frasi di 3-4 righe che sembrano delle versioni in latino di Cicerone! Periodi brevi, semplici e che inviano subito il messaggio al lettore. Il vostro visitatore non deve leggere due volte la call-to-action per capirla, ma deve afferrare al volo il significato!

Una e una sola call-to-action per pagina

Vi è mai capitato di aprire un articolo di un blog e trovarvi 3000 pulsanti o 3000 frasi che vi chiedevano di mettere mi piace, di condividere, di commentare, di seguirci su facebook, di ”cerchiarci” su Google+ etc…? E non vi hanno dato molto fastidio? Ecco, evitate dunque di assillare i vostri lettori con più richieste. Per ogni pagina del vostro blog ci dovrebbero essere massimo tre call-to-action!

Meglio il testo delle immagini

Privilegiate il testo alle immagini! E’ meglio una call-to-action scritta che una immagine. Può capitare che il lettore non trovi interessante l’immagine che gli proponete a fine articolo e quindi la salta senza nemmeno guardarla. Un testo in grassetto ha più possibilità di esser letto!

N.b: questo consiglio è rivolto a chi scrive articoli ed ha un blog, non stiamo parlando di landing page, in cui si privilegia l’utilizzo delle immagini.

Ecco dunque i 4 semplici consigli. Se avete qualche suggerimento da aggiungere o volete qualche informazione, lasciate pure un commento :)

Michele

Ottieni contenuti spettacolari sulla tua email!

Ricevi contenuti utili per la tua attività direttamente sulla tua email!
Nome
Email
Tags:

Lascia un tuo parere!

Ottieni Contenuti Extra!

Ricevi consigli, contenuti e strumenti che ti possono tornare utili per la tua attività!
Nome
Email
Anche io odio lo SPAM! ;-)
Leggi articolo precedente:
25 idee per gli argomenti da trattare sul tuo blog!

Il fenomeno delle infografiche conquista il web

Chiudi