Piramide Rovesciata
52
shares
Fb
TW
P
G+
Pin to Pinterest
+
Cos'è?

Scrivere per il web è molto diverso da scrivere per un giornale cartaceo, per una radio o per una rivista tecnica. Anzi, oserei dire che è tutto il contrario. Una delle tecniche principali per la scrittura sul web si chiama, infatti, piramide rovesciata. Rovesciata perché si parte dai fatti importanti per aggiungere in corso d’opera i dettagli. Le conclusioni, quindi, le troviamo all’inizio dell’articolo. È completamente l’opposto di ciò che viene insegnato in qualsiasi ambito scolastico (liceo e università): per una qualsiasi tesi si parte dai dettagli, dai fatti per arrivare ad una conclusione, non si parte mai dalla conclusione.

Questo metodo deriva direttamente dal mondo del giornalismo e si applica benissimo al web. I lettori, su internet, hanno pochissimo tempo e sono tartassati da diversi tipi di distrazioni: video, banner pubblicitari, chat, giochi e così via. La piramide rovesciata, partendo dalle conclusioni, permette al lettore di decidere rapidamente se vale la pena continuare a leggere oppure no, se vale veramente la pena perdere tempo su un articolo.

 

Piramide Rovesciata

La piramide rovesciata: come funziona

Questo articolo è un esempio di piramide rovesciata: nel primo paragrafo ti ho fornito la conclusione, ovvero che una delle tecniche principali per il web writing si chiama piramide rovesciata. Nel secondo e terzo paragrafo ho aggiunto dei dettagli secondari.

Ora si sta allargando il campo, aggiungendo piano piano tutti i terzi dettagli che possono tornare utili al lettore. È una tecnica che ognuno può migliorare e adattare al meglio alle proprie esigenze. Vediamo qualche consiglio utile.

La piramide rovesciata e la rapida conclusione

È stato già detto che il lettore sul web ha poco, pochissimo tempo. Mi è capitato spesso di leggere post e articoli che ad inizio testo inserivano dei periodi degni di ciceroniana memoria: frasi di 2-3 righe senza alcuna interruzione.

Dopo il titolo, sono i primi 2-3 paragrafi che giocano un ruolo chiave: se non riescono a trasmettere subito la conclusione, ovvero ciò che vuoi spiegare nel tuo testo, nessun lettore inizierà mai e poi mai a leggere. Anzi, chiuderà subito la pagina.

Dunque devi essere più sintetico e diretto possibile nei primi paragrafi, dopodiché puoi fare tutti gli approfondimenti che vuoi.

La piramide rovesciata e le immagini

In alcuni articoli l’immagine viene messa all’inizio del post o, ancor peggio, sopra il titolo. Il mio consiglio è quello di evitare di inserire immediatamente l’immagine in un testo per non distrarre l’attenzione del lettore. L’immagine deve essere inserita all’interno del post per supportare visivamente ciò che si sta dicendo con il testo.

Ti potrebbe interessare: Immagini gratis per blog, dove trovarle

Le immagini comunicano più velocemente del testo: inseriscili fra i paragrafi oppure fra sezioni ben distinte del tuo post. E, ricorda, che in ogni post deve essere presente almeno una immagine.

Ora tocca a te…

Ogni mezzo di comunicazione ha le sue dinamiche e, dunque, richiede stili di comunicazione in parte (o totalmente) diversi. Il web non può diventare la declinazione 2.0 della comunicazione classica: il mio spot sulla tv nazionale non può diventare un video promozionale su Youtube, il comunicato stampa letto in radio non potrà mai essere un articolo per il blog aziendale.

Risulta quindi importante, sul web, studiare le tecniche adeguate per comunicare al meglio. Non basta metter su un blog e fare copia-incolla dei comunicati stampa ;-)

Tu cosa ne pensi? Aspetto un tuo parere!

Ottieni contenuti spettacolari sulla tua email!

Ricevi contenuti utili per la tua attività direttamente sulla tua email!
Nome
Email

Lascia un commento

Ottieni Contenuti Extra!

Ricevi consigli, contenuti e strumenti che ti possono tornare utili per la tua attività!
Nome
Email
Anche io odio lo SPAM! ;-)
Leggi articolo precedente:
Comprare follower Twitter
Comprare Follower su Twitter: perché non farlo

Ridurre peso immagini: strumenti e software utili
Ridurre il peso delle immagini: ecco alcuni tool utili

Chiudi