11
shares
Fb
TW
P
G+
Pin to Pinterest
+
Cos'è?

Tutti quelli che mi conoscono sanno benissimo che frequento ancora l’ultimo anno di Liceo. Gli anni del Liceo sono molto soggettivi: c’è chi non vede l’ora di finire, chi ci vuole ritornare, chi non vorrebbe mai andarsene. Che siano belli o che siano brutti, sono sicuramente gli anni dei ricordi più belli della vita di ognuno.

Durante il Liceo ho scoperto questa mia passione per la comunicazione e i new media ed ho anche applicato diverse lezioni che questi 5 anni mi hanno dato/mi stanno dando al blogging. Già, perché, per certi versi, molte azioni e/o metodi che la scuola superiore mi ha insegnato le applico inconsciamente (fino a qualche giorno fa) e in automatico al mio blog.

Vediamo di che cosa sto parlando.

Non puoi andare da 9-10 in tutto

Una delle caratteristiche principali del Liceo (soprattutto dell’ultimo anno) è il dover studiare 5-6 materie completamente diverse (partendo da Inglese, passando per Latino arrivando alla Matematica) per il giorno dopo. Non potrai, ovviamente, andare da 9 o da 10 in tutte le interrogazioni del giorno dopo: è umanamente impossibile (si certo, se ti organizzi e studi due giorni prima ci riesci, ma a 18-19 anni si vive il momento, non si programma nulla e non so se è un bene :D).

Cosa c’entra tutto questo con il blogging? Semplice: non puoi parlare di tutto. Ogni volta che decidi di aprire una categoria su un tuo blog si presuppone che tu abbia un minimo di conoscenza. Purtroppo conosco blog che hanno come categorie Cucina, Sport, Marketing, Internet… puoi immaginare quanto possa essere preparato l’autore su tutti questi argomenti.

Il consiglio, dunque, è quello di ritagliarsi una piccola fetta di tematica, una microtematica in cui ti senti molto preparato e su cui puoi fornire veramente un valore aggiunto consistente ai tuoi lettori.

Inoltre concentrandoti su un tema specifico sarai sicuro che i tuoi lettori saranno veramente interessati agli argomenti trattati. Avrai un target ben definito. Tutto ciò vuol dire che saprai benissimo che cosa si aspetta il tuo pubblico e quali contenuti cerca.

C’è sempre chi ti giudica (nel bene e nel male)

Come ogni scuola, dopo che fai una qualsiasi verifica in classe, il docente te la porta corretta con un voto numerico e un voto scritto per spiegarti cosa hai sbagliato e per giustificare il voto. Non so a quanti di voi sia mai capitato di avere qualche compagno simpatico che alla consegna dei compiti se ne esce con:

Professoressa, ma lui ha fatto gli stessi miei errori ed ha preso più di me, perché?

Ecco ci saranno sempre queste persone che continueranno a giudicarti, magari anche senza capire un tubo di quello che dicono.

La stessa cosa vale sul tuo blog: nel preciso istante in cui clicchi il tasto Pubblica dai la possibilità al Pincopallino qualsiasi di dire la sua sul tuo post. E tu devi essere pronto ad accettare le critiche e a sviluppare discussioni interessanti dalle osservazioni dei tuoi lettori.

NON dovrai mai e poi mai rispondere con un tono brusco e saccente ai commenti sul tuo blog, come molti blog e magazine famosi fanno. L’umiltà deve essere il tuo pane quotidiano.

Il Piano Editoriale va rispettato

Nel momento in cui il docente di matematica fissa una verifica per giorno 15 non puoi tirarti indietro senza ”rischiare” qualcosa a livello di voto.

Stessa cosa per quanto riguarda un blog: il piano editoriale va strutturato nei minimi dettagli e va rispettato. Se decidi che per giorno 15 devi pubblicare un articolo su come cucinare la pizza, ti devi prendere l’impegno di preparare il post prima di giorno 15.

Altrimenti tutti gli obiettivi che ti sei posto andranno a farsi un giro. Ovviamente può capitare che il Piano Editoriale subisca delle variazioni, ma le date e i contenuti fissati vanno seguiti.

Collaborare è il verbo

Il tuo compagno di banco è la tua ancora di salvezza, vi completate a vicenda: ciò che non sai tu sa lui e viceversa… o almeno si spera. Collaborare durante le verifiche è, per certi versi, irregolare ma si fa da che mondo è mondo.

Con il tuo blog devi (non puoi, devi) aprirti alle collaborazioni. In un web così dinamico non si può minimamente pensare di fare il lupo solitario: le collaborazioni fra professionisti sono alla base di tutto. Non avere paura, nessuno ti mangia ;-)

Renditi rintracciabile il più possibile, inserisci un form di contatto e rispondi alle varie proposte che ti arrivano.

In conclusione…

Sto per concludere questi 5 anni di Liceo fra gioia e ansia. Qualcosa, devo dire, me l’hanno lasciata. Tu cosa ne pensi? Questi piccoli accorgimenti possono tornare utili?

Ottieni contenuti spettacolari sulla tua email!

Ricevi contenuti utili per la tua attività direttamente sulla tua email!
Nome
Email

Lascia un commento

Ottieni Contenuti Extra!

Ricevi consigli, contenuti e strumenti che ti possono tornare utili per la tua attività!
Nome
Email
Anche io odio lo SPAM! ;-)
Leggi articolo precedente:
La diffidenza verso il Social Media Marketing

Guida il cliente!
Chiudi