28
shares
FB
TW
G+
Ln
P
Cos'è?

Oggi più che mai è importante fare squadra, creare delle relazioni win-win per raggiungere i propri obiettivi. Il guest posting dovrebbe essere tenuto in considerazione da ogni blogger, sia da chi ha avviato da poco un proprio diario virtuale sia da chi scrive da anni.

Attraverso una solida strategia di Guest posting si possono raggiungere pubblici differenti, persone che solitamente non leggono il nostro blog ma comunque in target con i nostri topic.

Un’attività di guest posting richiede un impegno maggiore: non tutti i blogger accettano guest post, alcuni richiedono dei requisiti precisi per ogni post, altri sono molto pignoli e poco cortesi. Non scrivi più per il tuo blog dove a decidere sei tu. Stai per pubblicare su un blog sconosciuto, con regole, pubblico e caratteristiche diverse dal tup. Dunque prima di procedere con una strategia di guest posting valuta bene la variabile tempo e impegno.

Vediamo alcune valutazioni da fare prima di avviare una guest post partnership con altri blogger.

Come sempre, se dopo aver letto l’articolo hai qualcosa da aggiungere, lascia pure il tuo commento.

I principali vantaggi

1 – Ti rapporti con un pubblico nuovo

Sebbene stai parlando sempre a persone in-target con il tuo blog, molto probabilmente una porzione di loro prima del guest post non ti conosceva.

Attraverso una buona attività di guest posting potrai allargare il tuo pubblico!

2 – Partnership

Potrai conoscere meglio altri blogger con cui avviare altre partnership. Il tuo network continuerà a crescere, il che non è mai un male ;-)

3 – SEO

Una volta pubblicato un guest post su un altro blog otterrai uno o due backlink verso il tuo blog. Il tutto, per quanto riguarda la SEO, può tornare utile al tuo blog in termini di posizionamento.

4 – Buzz sui Social

Immagina di pubblicare un guest post su un blog con un ampio seguito sui social e con una solida community dietro. Il buzz che si genererà sul tuo guest post sarà molto elevato.

Come creare una Guest Post Strategy

Vediamo ora come creare una Guest Post Strategy, quali valutazioni fare e come muoverci.

Fase 1 – Analisi dei blogger

1 – Identifichiamo il target

A quali persone ci vogliamo rivolgere? Quali sono i blogger più influenti per quella determinata nicchia di mercato? Già rispondendo a queste domande ti saranno venuti in mente 5-6 nomi di blogger a cui proporre un tuo guest post.

Ma non andare di fretta, ci sono altri fattori da valutare!

2 – Un po’ di numeri

Quali statistiche valutare per capire a quali blogger proporre un tuo post? Sarebbe inutile contattare blogger che hanno poco seguito, non otterresti nessun vantaggio in termini di traffico, visite e pubblico.

Quindi cerchiamo blogger che siano in target con le nostre tematiche e che, soprattutto, abbiano un buon seguito sui social.

Sfrutta strumenti come Feedly per risalire al numero di iscritti al feed RSS del blog: può tornarti utile, insieme alle statistiche dei social, per effettuare una stima quantitativa della community intorno al blogger.

Alla fine di questa prima fase avremo una lista di blogger da contattare. Il mio consiglio è quello di creare un file excel in cui inserire i vari blog ed eventuali contatti.

Fase 2 – Contattiamoli!

In questa fase ti giochi tutta la tua credibilità. È un po’ come fare un colloquio, devi saperti vendere al tuo datore di lavoro (in questo caso il blogger).

Evita contatti tramite social e sfrutta l’email. Presentati brevemente e dimostra il tuo interesse verso il blog in questione.

Chiudi l’email chiedendo se è disponibile ad eventuali guest post, se propone lui gli argomenti e se vi sono dei requisiti minimi da rispettare. È questo il momento giusto per chiedere tutte le informazioni di cui hai bisogno.

Fase 3 – Scrivi!

Ti sei guadagnato la fiducia del blogger. Ora devi mantenere in alto la tua credibilità. Non puoi presentarti con un post poco approfondito o che non rispetti i requisiti del blog finale.

Se prendi spunto da altre fonti (sia visive che testuali), citale sempre! Devi immaginare di pubblicare per il tuo blog: pubblicheresti un contenuto di scarso valore per il tuo blog? Molto probabilmente no. Pubblicheresti un contenuto copiato sul tuo blog? Molto probabilmente no. Devi ragionare nello stesso modo anche quando stai scrivendo un guest post.

Anzi, devi stare più attento: stai comunicando qualcosa ad un pubblico nuovo, che non ti conosce. Non puoi permetterti errori! È la prima impressione quella che conta, anche sul web.

Bisogna bilanciare la pubblicazione di post. In base al tempo a disposizione è consigliabile pubblicare un guest post a settimana. In questo mondo le fonti di traffico continueranno a crescere.

Fase 4 – Rispondi ad eventuali commenti

Il post è online e arrivano i primi commenti sia sui social sia sul blog. Non puoi permetterti di non rispondere. Puoi, quindi, chiedere al blogger che ti ospita di notificarti eventuali interazioni oppure puoi fare tu dei check manuali ogni 1-2 giorni.

Sui Social, invece, è molto probabile che tu venga menzionato nelle eventuali domande. Rispondere ai commenti è molto importante per instaurare comunicazioni con eventuali prospect.

Monitoriamo

Ora bisogna capire quali blog hanno portato più traffico al tuo blog e quali meno, a chi proporre altri guest post e chi, invece, scartare.

Google Analytics ti può tornare utile. Da Fonti di Traffico -> Referal puoi rintracciare quanti visitatori hai ottenuto dai blog su cui hai pubblicato uno o più guest post.

Ottimizza lo sforzo e ottieni il massimo del risultato ;-)

In conclusione…

L’attività di guest posting può portare notevoli vantaggi sia alla tua persona che al tuo blog, sia in termini di posizionamento sui motori di ricerca sai in termini di networking. È un’attività troppo delicata per effettuarla senza un minimo di organizzazione e strategia.

Hai qualche altro consiglio o qualche altro aspetto da inserire? Aspetto un tuo commento ;-)

Fonte immagine

Ottieni contenuti spettacolari sulla tua email!

Ricevi contenuti utili per la tua attività direttamente sulla tua email!
Nome
Email

La tua email non verrà pubblicata.

Captcha *
Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Ottieni Contenuti Extra!

Ricevi consigli, contenuti e strumenti che ti possono tornare utili per la tua attività!
Nome
Email
Anche io odio lo SPAM! ;-)
Leggi articolo precedente:
Il Caso Moncler
Linguaggi del Brand: Marche e comunicazione 2.0

10+ Tool gratuiti per aiutarti con il Blogging

Chiudi