Segnali di pericolo blog!
45
shares
FB
TW
G+
Ln
P
Cos'è?

Le statistiche di un sito web sono un ottimo strumento per capire se il tuo caro blog sta ”crescendo” o ”morendo”. E’ dunque importante saperle leggere e saper catturare i messaggi subliminali che ci vengono inviati.

Qui di seguito troverai 5 segnali che ti devono far capire che, nel tuo blog, c’è qualcosa che non funziona. Scopriamoli subito!

Lo strumento perfetto: Google Analytics

E’ importante fare una introduzione a questo piccolo grande strumento di Google. Analytics fornisce moltissime informazioni circa le visite sul tuo sito web: ti dice da dove vengono i tuoi visitatori, come ti hanno trovato, quanto tempo sono stati sul tuo sito web, se hanno cambiato pagina prima di chiuderla.

Insomma è il miglior strumento che ci sia in circolazione per quanto riguarda il controllo e la raccolta dei dati relativi alle visite di un sito web. I 5 segnali di cui parleremo qui di seguito vengono riportati tutti su Google Analytics, quindi è importante avere a portata di mano le statistiche del proprio blog.

#1 Durata media visita in netto calo

La durata media di una visita è la media di quanto tempo un visitatore naviga sul tuo sito web. Più tempo passa sul tuo sito web meglio è.

Per aumentare la durata media di una visita è importante offrire spunti per approfondire un determinato argomento in un altro post del nostro blog: dunque suggerisci delle letture alternative a fine post o in sidebar!

Se la durata media visita del tuo blog è in netto calo, c’è qualcosa che non va: un utente che visita il tuo blog per 0.30 secondi, vuol dire che non trova le risposte al suo problema e se ne va subito!

#2 Calo rapporto pagina/visita

Questo valore indica quante pagine vengono aperte durante una singola visita. Ovvero, l’utente X entra in una pagina, poi ne apre un’altra e poi ancora un’altra. Il rapporto sarà pari a 3 in questo caso, poiché l’utente ha visitato tre pagine durante una sola visita.

Questo valore è direttamente proporzionale alla durata di una visita e inversamente proporzionale alla frequenza di rimbalzo.

Se questo valore è in calo vuol dire che c’è qualche problema. Guarda le statistiche raccolte e controlla da quando è iniziato il calo del rapporto, controlla gli eventi che corrispondono a quella data e risolvi il problema!

#3 Tutto il traffico arriva da una sola fonte

Per controllare questo dato, dopo aver effettuato il log-in su Google Analytics, vai su Sorgenti di Traffico -> Sorgenti ->Tutto il Traffico.

Se le sorgenti di traffico sono diminuite e sono poche vuol dire che il tuo blog ha perso citazioni da altri siti web.

Per risolvere questo problema ho da consigliarti un’ottima strategia: il guest posting. Esso ti permette di confrontarti con un nuovo pubblico e di ottenere dei backlinks da diversi siti (ergo avrai più fonti di traffico).

#4 Perdita di ispirazione

Hai perso l’ispirazione per i tuoi prossimi post e, quindi, non riesci a pubblicare nuovi articoli?

La mancanza di nuovi contenuti può causare una perdita di traffico. Puoi risolvere in due modi:

  1. cerca qualche blogger che abbia voglia di pubblicare un suo post sul tuo blog in cambio di qualche backlinks verso il suo sito web;
  2. ritrova l’ispirazione con questi consigli.

Evita di scrivere contenuti di bassa qualità in questi momenti solo per aggiornare il tuo blog: rischieresti solamente di perdere la fiducia dei tuoi lettori più stretti e di creare nuovi problemi invece che risolverli!

Segnali di pericolo blog!

 

#5 Aumento della frequenza di Rimbalzo

La frequenza di rimbalzo è la percentuale che ti indica quanti utenti visitano il tuo sito e lo chiudono subito. Non navigano proprio sul tuo sito web.

Questo può essere causato da una grafica poco intuitiva o da contenuti di scarso valore.

Se utilizzi WordPress puoi utilizzare questo plug-in per combattere questo problema!

 

Il tuo blog mostra questi sintomi? Come stai cercando di risolvere i problemi? Scrivici pure con un commento :)

Articolo liberamente tradotto da Problogger.

Ottieni contenuti spettacolari sulla tua email!

Ricevi contenuti utili per la tua attività direttamente sulla tua email!
Nome
Email

Lascia un commento

Ottieni Contenuti Extra!

Ricevi consigli, contenuti e strumenti che ti possono tornare utili per la tua attività!
Nome
Email
Anche io odio lo SPAM! ;-)
Leggi articolo precedente:
Instagram non venderà le tue foto!
Instagram e le foto che NON venderà

Google+ Community e promozione online!
Google+ Community: come usarle per promuoversi online

Chiudi