7
shares
Fb
TW
P
G+
Pin to Pinterest
+
Cos'è?

Fortunatamente sono passati i tempi in cui l’ottimizzazione per i motori di ricerca veniva fatta esclusivamente a mano, senza l’utilizzo di strumenti specifici che alleggerissero il compito. L’unico modo per valutare i risultati e avere spunti per migliorare veniva dall’esperienza, e non c’era modo di sapere se quello che si stava facendo era corretto oppure no.

Per avere una relazione dettagliata o dei consigli più attendibili, era necessario investire parecchio tempo per diventare un esperto o pagare per averne uno a disposizione. Ora che la SEO sta diventando sempre più raffinata e onnicomprensiva di tutti i singoli fattori di cui è composta la rete, il semplice intuiti non basta più nemmeno agli esperti.

Per questo, grazie anche allo sviluppo di internet e dei linguaggi di programmazione, negli ultimi anni si sono sviluppati degli strumenti disponibili gratuitamente online per aiutare ogni webmaster a ottenere i parametri vitali necessari per una campagna pubblicitaria. In questo modo la raccolta e l’elaborazione dei dati si è fatta più semplice e veloce, aumentando al contempo di efficacia.

Per ogni specifico compito esiste più di uno strumento, e non è detto che uno sia necessariamente meglio dell’altro. Per quanto ci siano soluzioni più o meno competitive, un amministratore potrebbe trovarsi meglio a lavorare con un programma considerato inferiore dalla generalità degli esperti. In questo articolo vengono presentati 5 strumenti importanti per la SEO, ma non è una lista esaustiva: è un punto di partenza importante per ricercare una soluzione adatta alle proprie esigenze.

Open Site Explorer

Questo strumento, creato da Seomoz, è forse il più utilizzato al mondo quando si parla di SEO. Le sue funzionalità sono troncate nella versione gratuita, ma resta comunque un alleato prezioso per monitorare il proprio sito e i concorrenti.

Le informazioni riguardano prettamente il link building (almeno nella versione gratuita, mentre in quella a pagamento ci sono anche le statistiche dei social network), ma la cosa più utile è rappresentata dagli indicatori sintetici. In pochi secondi verranno riassunti in una tabella tutti i parametri importanti, con anche un punteggio indicativo della qualità della pagina e del dominio secondo Google. Questo permetterà di valutare un sito in pochi secondi, utile ad esempio quando si vuole valutare la possibilità di uno scambio di link.

Sito ufficiale

Robots.txt checker

Questa utility, sviluppata in Italia, permette di controllare automaticamente se il nostro file robots.txt rispetta tutti gli standard. Questo piccolo file è considerato molto importante dai motori di ricerca, perché contiene le indicazioni di scansione del sito e l’indirizzo della sitemap. Un errore di formattazione potrebbe portare alla scansione di pagine che non si vogliono indicizzare, e in ogni caso Google lo prenderebbe come segnale di scarsa professionalità.

Un errore di battitura può capitare a tutti, e quando succede è importante avere gli strumenti necessari per rilevarlo e correggerlo prontamente. In questo, Robots.txt checker è una piccola utility in grado di fare egregiamente il suo lavoro.

Sito ufficiale

Pingdom Website monitoring

Un punto cruciale quando si vuole scegliere un server sul quale far funzionare il proprio sito, è il tempo di uptime. Un server che crea spesso problemi e rende lo spazio web inaccessibile per ore è un brutto segnale sia per gli utenti che per i motori di ricerca. Entrambi valuteranno il sito come scadente, e non lo premieranno anche se i contenuti sono di qualità.

Per questo è importante utilizzare uno strumento in grado di monitorare automaticamente il tempo di uptime di un dominio, e comunicare prontamente le interruzioni. Questa utility sviluppata da Pingdom serve proprio a questo, e a fine mese avrete un report dettagliato sulla qualità del servizio offerto dal vostro host.

Non solo, potrete anche vedere giorno per giorno il tempo di risposta dell’host. In altre parole, il parametro indica il tempo che trascorre dall’invio della richiesta all’inizio della ricezione dei dati. È bene che questo numero rimanga il più basso possibile, perché contribuisce molto al tempo di caricamento di una pagina.

Grazie a Pingdom Website monitoring sarete in grado di saper se i soldi che spendete per il vostro spazio web sono ben investiti, o se è il caso di rivolgersi altrove.

Sito ufficiale

Shared count

I fattori sociali stanno diventando sempre più importanti con il passare del tempo, ma hanno un difetto: sono difficilmente misurabili. Se per un sito web esistono programmi di analisi come Google Analytics, le statistiche disponibili tramite Facebook e Twitter sono a dir poco rudimentali. Shared count è un tool semplice e veloce da utilizzare che mette fine a questi problemi.

Le piattaforme controllate da questa utility sono: Facebook, Twitter, Plus, LinkedIn, Pinterest, Digg, Buzz, Delicious e StumbleUpon.

In una pagina avrete a disposizione un riassunto del numero di volte che la vostra pagina è stata condivisa su questi social network, dandovi un’idea di quanto è diffuso il vostro sito su questi portali. Potrete inoltre valutare quali sono i social network preferiti dal vostro target d’utenza: spesso sarà Facebook, ma in alcuni settori potrebbe essere Twitter o LinkedIn.

Sito ufficiale

Webpage test

L’ultimo sito della lista contiene un tool che monitora la velocità di una pagina web e restituisce un grafico di tutti gli elementi e del tempo necessario per caricarli. Potrete quindi vedere quali singole query rallentano maggiormente il vostro sito, e potrete intervenire per correggerle. È inoltre possibile effettuare test con diversi browser da differenti parti del mondo, utile soprattutto se si ha un’utenza sparsa globalmente o si vogliono fare test di ping.

Google pone una grande enfasi sulla velocità di un sito per l’indicizzazione, e per questo è fondamentale cercare di guadagnare ogni frazione di secondo possibile.

Sito ufficiale

Ottieni contenuti spettacolari sulla tua email!

Ricevi contenuti utili per la tua attività direttamente sulla tua email!
Nome
Email
Tags:

Lascia un commento

Ottieni Contenuti Extra!

Ricevi consigli, contenuti e strumenti che ti possono tornare utili per la tua attività!
Nome
Email
Anche io odio lo SPAM! ;-)
Leggi articolo precedente:
Blog: come aumentare i guadagni grazie alla sidebar!
Cosa Significa Fare Web Marketing nel 2012

Chiudi