4 semplici passaggi per un piano di sviluppo contenuti
4
shares
Fb
TW
P
G+
Pin to Pinterest
+
Cos'è?

4 semplici passaggi per un piano di sviluppo contenuti

In diversi articoli abbiamo già trattato il problema del blocco dello scrittore, ovvero quel breve (si spera) periodo di tempo in cui un blogger, uno scrittore, un copywriter non trovano ispirazioni per argomenti da trattare sul proprio blog. Questo blocco, soprattutto per chi ha un blog mono-autore, può risultare veramente dannoso a livello economico! La gestione dello sviluppo dei contenuti può certamente aiutare a superare il blocco dello scrittore!

In questo articolo vedremo come creare un piano di sviluppo contenuti formato da soli 4 passaggi che possono facilitare l’autore a scrivere contenuti validi giorno dopo giorno :)

#1 Il piano editoriale

Non si può cominciare a scrivere un articolo senza avere un piano editoriale che possa metter ordine fra i post da pubblicare sul proprio blog. Per creare un piano editoriale, aprite un foglio di calcolo excel. 

All’interno di questo foglio create tre colonne e inserite:

  1. Gli argomenti più importanti (solitamente sono le categorie di un blog);
  2. Gli argomenti secondari (branchie o sottoinsiemi delle categorie principali);
  3. Gli argomenti trattati sporadicamente.

Ora inserite in ognuna delle tre colonne 20 titoli di articoli che potrete trattate. Utilizzate Google per cercare titoli e spunti o cercate sui blog esteri qualche utile ispirazione. In tutto, ora, avrete circa 60 titoli di potenziali articoli.

Su 7 giorni settimanali, dedicatene almeno 1 alla ricerca di titoli di potenziali articoli e sceglietene altri 3 per la pubblicazione dei vostri articoli. Queste impostazioni sono del tutto personali: personalmente dedico circa 2 giorni a settimana alla ricerca di titoli da trattare e pubblico almeno una volta a settimana (ancora non sono riuscito a trovare dei giorni precisi in cui pubblicare, il tempo è tiranno!). Infine aprite un calendario e, in base alla quantità di giorni che avete deciso prima, impostate sul calendario i giorni in cui pubblicate i vari articoli. Cercate di alternare le categorie di appartenenza: se lunedì pubblicate un articolo sul SEO, mercoledì parlate di WordPress e venerdì di Social Media. In questo modo avrete un blog aggiornato in tutte le sue principali categorie.

#2 Qualche idea e frase importante

Adesso il vostro calendario è pieno di titoli di post da scrivere. Segnatevi 3-4 frasi importanti per ogni articolo in modo da avere subito lo spunto su cosa scrivere. Vi faciliteranno il lavoro durante la stesura del vostro articolo.

 #3 Check-in prima della pubblicazione

E’ importante pubblicare al meglio i propri post. Prima della pubblicazione, effettuate dei controlli di routine. Qui di seguito trovate una lista di controlli che dovreste fare prima della pubblicazione:

  1. I permalink hanno un trattino (-) singolo fra le parole;
  2. Titolo corretto;
  3. Tutti i link in uscita aprono in una nuova finestra;
  4. Tutti i link in uscita hanno una descrizione;
  5. L’articolo non appartiene a più di due categorie;
  6. Almeno 5 tag per articolo;
  7. Tutte le immagine hanno il tag alt configurato;
  8. Parte del primo paragrafo è la descrizione della pagina.

#4 Tracking dei vostri contenuti

Dopo aver pubblicato il vostro articolo, tenetelo d’occhio, soprattutto sui social media come Facebook e Twitter! Controllate quante volte è stato condiviso, quante visite ha ottenuto, che commenti ha ricevuto. In questo modo saprete che cosa pubblicare la prossima volta!

Creare contenuti di successo non è certamente facile, ma questo piano di sviluppo contenuti vi può certamente facilitare il lavoro.
Michele

Articolo liberamente tradotto da Get your own content development process with this 4 step action plan

Ottieni contenuti spettacolari sulla tua email!

Ricevi contenuti utili per la tua attività direttamente sulla tua email!
Nome
Email
Tags:

Lascia un commento

Ottieni Contenuti Extra!

Ricevi consigli, contenuti e strumenti che ti possono tornare utili per la tua attività!
Nome
Email
Anche io odio lo SPAM! ;-)
Leggi articolo precedente:
Facebook: 3 consigli per uno status di successo

Applicazioni Facebook
Facebook: 5 errori da non commettere con la Fan page

Chiudi